Migliore Fresa a Tazza per Legno: Recensioni, Opinioni e Prezzi

Al momento stai visualizzando Migliore Fresa a Tazza per Legno: Recensioni, Opinioni e Prezzi

La fresa a tazza per legno è un utensile indispensabile sia per gli amanti del fai da te che per i falegnami professionisti che hanno la necessità di effettuare fori dalle dimensioni notevoli ma allo stesso tempo precisi. In commercio si possono trovare molti modelli con tipologie costruttive differenti ma, come hai avuto modo di intuire, in questa guida ci concentreremo sulla punta a tazza per legno, un utensile studiato appositamente per lavorare questo materiale.

Cos’è e come funziona una fresa a tazza per legno

Non è nient’altro che una particolare punta a tazza da applicare ad un utensile come il classico trapano manuale oppure a colonna. Come per tutte le frese, anche in questo caso non è possibile operare manualmente ma è necessario utilizzare un elettroutensile come quelli appena citati. Per quanto riguarda il suo funzionamento, non è nulla di complicato e anzi, è praticamente identico a quello di una normalissima punta per trapano; la rotazione della fresa è infatti generata dal movimento circolare dell’apposito mandrino (solitamente fornito in dotazione), nulla di nuovo se sei abituato ad utilizzare questi tipi di utensili.

Ma da quali componenti è formata una fresa a tazza per forare il legno?  Il primo è senza dubbio il mandrino, cioè quell’accessorio che permette di applicare la punta sull’utensile. Al suo centro è presente una punta perforatrice che ha lo scopo di penetrare nel materiale e di fungere da guida per la tazza (per questo motivo è chiamata anche punta di centraggio). Per quanto riguarda appunto la tazza, quest’ultima può avere diametri variabili ed è dotata di un bordo seghettato che è sostanzialmente la parte più importante di questo accessorio siccome è quella che effettua l’operazione vera e propria di taglio. Ricordati che la qualità costruttiva di questo componente è di fondamentale importanza per ottenere un taglio pulito e preciso.

Classifica delle migliori frese a tazza per legno

1. Makita D-47307

Inizio la lista con questo set marchiato Makita, se sei un amante del fai da te sei sicuramente a conoscenza dell’elevata qualità degli utensili di questo marchio. La pratica valigetta da trasporto contiene ben 16 seghe a tazza bimetalliche che, oltre ad essere perfette per lavorare il legno, posso tagliare anche materiali come: alluminio, rame, ottone e plastica. Le frese hanno un diametro di 16, 19, 22, 25, 32, 35, 37, 44, 51, 57, 64, 68, 76 millimetri e sono complete di relativo attacco con punte di centraggio da 9,5/11. Questo kit è perfetto se hai bisogno di avere a disposizione un’ampia gamma di seghe a tazza di qualità e con molti diametri differenti.

Makita D-47307 - Seghe da traforo, 16 pezzi
  • Set Makita D-47307 adatto per materiali
  • Materiale di plastica e mettalo
  • Colore argento

2. Bosch Professional 2608594190

Ecco un altro kit veramente eccezionale e di qualità elevata. Anche queste frese a tazza di marchio Bosch in bimetallo e con lega di cobalto sono ideali per lavorare altri materiali oltre al legno, tra questi rientrano: cartongesso, plastica, metallo non ferroso e acciaio inox. La valigetta è composta da 6 tazze con diametri di 19, 25, 38, 44, 68, 83 millimetri, 2 punte di centraggio HSS e da un adattatore esagonale Power-Change Plus che permette una rapida sostituzione della tazza. Se stai cercando un set di qualità e in grado di effettuare tagli puliti e precisi, questo è sicuramente uno dei migliori che puoi trovare in commercio.

Offerta
Bosch Professional Set da 9 pz. di Seghe a Tazza Progressor for Wood & Metal (per Elettricista, Ø 19-83 mm, Accessorio per Foratrice)
  • Solida qualità: Il bimetallo Bosch con lega di cobalto all'8% produce una durata 2 volte superiore...
  • Basta un clic: Cambio semplice e senza utensili delle seghe a tazza grazie al nuovo Power Change Plus...
  • Campi di utilizzo: La sega a tazza è ideale per praticare fori in legno, pareti in cartongesso,...

3. Punte a tazza Proster

Non ti interessa avere a disposizione una valigetta per il trasporto e stai cercando un’alternativa economica e “non merca”? allora questo set Proster potrebbe fare al caso tuo. Il kit è composto da frese con diametri di 16, 18, 20, 22, 25, 30, 32, 35, 40, 50, 53 e hanno una profondità di taglio di 25 millimetri. Ogni tazza viene venduta singolarmente e sono tutte provviste di apposita punta con molla e relativo attacco. Il materiale costruttivo è acciaio HSS che è in grado di tagliare tranquillamente legno, cartongesso e plastica dura (non metallo). Nel complesso si tratta di un modello con un ottimo rapporto qualità / prezzo perfetto per chi non ha grosse pretese.

Proster 11Pz Set Seghe a Tazza in Acciaio HSS Punte per Trapano Set Fresa Utensili per Taglio Legno PVC Plastica 16mm/ 18mm/ 20mm/ 22mm/ 25mm/ 30mm/ 32mm/ 35mm/ 40mm/ 50mm/ 53mm
  • 【11Pz Seghe a Tazza da Diverse Dimensioni】16mm / 18mm / 20mm / 22mm / 25mm / 30mm / 32mm / 35mm /...
  • 【Facile da Usare】Acciaio al Carbonio, Trattamento Termico. Denti in Acciaio ad Alta Velocità M42 per...
  • 【Miglioramento Realizzato】Le Frese per Fori Utilizzano un Design a Molla che Favorisce la Rimozione...

4. Sega a tazza HYCHIKA

Se stai cercando un set poco costoso ma comunque valido per lavoretti fai da te, ti consiglio questo kit HYCHIKA. La valigetta contiene 13 lame in carbonio annerito ma ricordati che, come abbiamo visto durante la recensione, sono molto più economiche rispetto a quelle in acciaio ma anche più fragili e meno precise. Il diametro delle tazze varia da 19 a 152 millimetri e sono accompagnate da 2 punte di centraggio, 2 piastre e 2 mandrini (uno per le seghe a tazza più piccole e l’altro per quelle più grandi). Nel complesso fanno il loro lavoro in maniera egregia quando si tratta di piccoli lavoretti fai da te e te le consiglio solo se devi utilizzarle su legno sia morbido che duro. Se hai intenzione di forare anche materiali più impegnativi, ti suggerisco di optare per i modelli visti in precedenza.

Sega a Tazza, HYCHIKA 19 PCS Seghe per Trapano, con 13 x lame per sega: 19 mm-152 mm, 2 x punte a forare, 2 x Mandrini, Piatto di Installazione e Chiave Esagonale, Per forare legno, PVC e plastica
  • 【19 PCS ACCESSORI】 Il set di seghe a tazza comprende 19 accessori: 2 x punte a forare, 2 x Mandrini,...
  • 【ALTA QUALITÀ E SICUREZZA】 Acciaio al carbonio trattato termicamente. alte prestazioni, protezione...
  • 【AMPIA GAMMA DI APPLICAZIONI】 Copre la maggior parte delle seghe a tazza sul mercato. È perfetto per...

5. Tazze singole Wolfcraft

Se invece hai intenzione di acquistare una sega a tazza di un diametro specifico, ti consiglio ti optare per le Wolfcraft. I prodotti che ti riporto di seguito hanno diametri varianti ma è possibile acquistare anche altri modelli che variano da 20 a 127 millimetri. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, sono tutte di tipo bi-metallico con la dentatura in acciaio HSS e quindi ottime per lavorare legno ma anche altri materiali come acciaio non legato e PVC.

Caratteristiche di una sega a tazza per legno

Nonostante le punte a tazza per legno possano sembrare identiche tra loro, in realtà ci sono diversi aspetti che possono differenziare un modello dall’altro. Il primo è ovviamente il diametro del cilindro che varia in base alla grandezza del foro che la fresa sarà in grado di effettuare. Un altro aspetto molto importante ma più “nascosto” è indubbiamente la qualità dei materiali costruttivi, dettaglio che fa la differenza per quanto riguarda la qualità del taglio e la durata dell’accessorio.

E bene sapere che le frese a tazza possono essere acquistate sia singolarmente che in kit composti da più varianti con diametri differenti. Anche in questo caso è importante valutare la qualità costruttiva ma anche l’assortimento sia di frese che di mandrini contenuti nel kit. Vediamo meglio tutti i punti più importanti da valutare con attenzione.

Tipi di sega a tazza per legno

In commercio si possono trovare frese per legno dotate di “strutture” differenti, nel dettaglio:

  • Frese componibili: sono quelle più diffuse a livello hobbistico, sono costituite da una piastra dotata di molteplici scanalature in grado di ospitare più corone con diametri differenti. In questo caso si ha un unico mandrino comprensivo di base che funziona da innesto per la lama, ovviamente è presente anche la classica punta di centraggio.
  • Frese monoblocco: sono costituite da un unico pezzo interamente saldato che incorpora sia la base che la corona dentata, quando si vuole variare il diametro è quindi necessario cambiare l’intera fresa montata sull’utensile. Se confrontate alla tipologia precedente, risultano molto più stabili, resistenti e precise in fase di lavorazione. Proprio per questi motivi sono consigliate per coloro che devono effettuare delle lavorazioni di livello professionale.

Materiale costruttivo della tazza

Esistono differenti seghe a tazza, alcune studiate per tagliare materiali relativamente morbidi come il legno ed altre ideali per essere utilizzate con materiali molto più duri, alcune di queste sono appunto le frese per metallo o le frese per cemento. Dato che in questa guida ci concentriamo sulla lavorazione del legno, è bene sapere che una fresa a tazza per legno è, nella maggior parte dei casi, di tipo bimetallico. Nello specifico, il materiale della corona è costituito da una speciale mescola di due acciai: uno elastico morbido e l’altro ad alta velocità (HSS). La caratteristica base di quest’ultimo acciaio è quella di contenere molibdeno e tungsteno, due metalli che conferiscono un’elevata resistenza alla fatica e un’eccezionale durezza sia a freddo che a caldo. Non per niente l’acciao HSS viene utilizzato principalmente con utensili da taglio e per la lavorazione a freddo.

Proprio grazie a queste caratteristiche molto interessanti, non si rischia di bruciare il legno con un conseguente danneggiamento sia il foro che dell’oggetto in lavorazione. Tieni comunque presente che un altro acciaio molto efficiente è il carbonio annerito, anche se è preferibile utilizzarlo quando si lavora del legno morbido.

Nel complesso, le frese carotatrici in acciaio bimetallico sono più costose ma anche più resistenti e, nella maggior parte dei casi, le trovi spesso vendute singolarmente. Se invece stai cercando un kit composto da più frese con dimensioni differenti, con molta probabilità ti imbatterai nella tipologia al carbonio dato il suo costo più contenuto.

Diametro e profondità di taglio

All’interno di un kit è possibile trovare fino a 15 tazze per legno con diametri e altezze differenti. La larghezza di un foro dipende ovviamente dal diametro della tazza il quale può variare dai 18 millimetri fino a superare addirittura i 150 millimetri. Per quanto concerne la profondità di taglio, che si calcola invece in base alla lunghezza della tazza, è presente anche in questo caso un buon assortimento con valori che possono raggiungere i 40 millimetri.

Avere a disposizione un kit contenente un assortimento del genere ti permette di effettuare praticamente qualsiasi tipo di foro, è quindi ideale se sei un amante del fai da te che ama svolgere lavorazioni più o meno impegnative.

Velocità di rotazione

Come accennato in precedenza, le seghe a tazza per legno funzionano egregiamente anche su altri materiali come la plastica o metalli non ferrosi. La velocità di rotazione ideale, espressa in giri al minuto (RPM), varia in base al tipo di materiale che si vuole lavorare. Per farti un esempio, se si vuole tagliare del legno in maniera efficiente, è necessaria una velocità di circa 10 volte maggiore rispetto a quella utilizzata per tagliare l’acciaio. Proprio per questo motivo è consigliabile utilizzare trapani con una velocità variabile in modo da adattare la velocità in base al materiale in lavorazione.

Tipo di foro: Cieco o passante

Una fresa carotatrice per legno è utilizzabile per effettuare due tipi di foro: Passante o cieco. Piccola premessa: quasi tutte le frese a tazza economiche sono progettate per effettuare fori passanti ma volendo si possono comunque utilizzare anche per il secondo tipo di foro. Ma quali sono le differenze tra i due?

  • Foro passante: come si può ben capire dal nome, viene effettuato trapassando il legno da parte a parte effettuando un vero e proprio buco nell’asse. Questa operazione ti permette per esempio di istallare una lampada o far passare qualsiasi oggetto da una parte all’altra di un’asse o di un pannello in legno. Inutile dire che per effettuare questo tipo di foro bisogna utilizzare una fresa abbastanza lunga e resistente, almeno che non si stia lavorando del materiale con uno spessore abbastanza ridotto.
  • Foro cieco: è ideale se il tuo scopo è quello di realizzare una foratura parziale di un’asse o un pannello. In questo caso non si attraversa il materiale da lato a lato ma si effettua una lavorazione visibile solo da una parte dell’oggetto in lavorazione. Questo tipo di foro è ideale in diverse occasioni come per esempio quando si ha la necessità di fissare gli sportelli di un mobile o assemblare un armadio.

Come usare le frese a tazza per legno

Come hai avuto modo di capire, una fresa carotatrice ti permette di effettuare fori con larghezze variabili su materiali come pannelli in compensato o assi di legno. Ma come si usa questo accessorio? Nel complesso non è nulla di complicato ma vediamo alcune accortezze da tenere in considerazione.

Una volta applicata la fresa sul trapano, avvicinala al materiale da lavorare e, in prima battuta, lascia che sia la punta pilota a fissare il centro. Una volta che ti sarai accertato che quest’ultima sia penetrata leggermente nel legno, applica una leggera pressione sull’utensile in modo che la tazza della fresa inizi a svolgere il suo lavoro di taglio. Se il tuo scopo è quello di allargare un foro già presente, indipendentemente che sia cieco o passante, aiutati con un foglio di compensato posizionandolo sopra il foro da ampliare, utilizza una morsa per tenerlo ben fisso al materiale. In questo modo potrai utilizzare il compensato come ancoraggio per la punta pilota ed effettuare un foro in maniera precisa e pulita.

Finito il lavoro, la parte tagliata verrà estratta assieme alla punta in modo da non dover smontare e rimontare la tazza ogni qual volta che si effettua una nuova lavorazione. Questa caratteristica è molto utile quando si ha la necessità di creare più fori consecutivamente. Ricordati che per utilizzare una fresa a tazza dovrai per forza usare un trapano con alimentazione a cavo, un elettroutensile a batteria non è infatti abbastanza potente per lavorare su assi spesse e di legno duro. Un altro dettaglio da tenere in considerazione è quello riguardante la lubrificazione; quando si lavora del materiale come il legno, non è necessario lubrificare la corona (questo discorso non vale per materiali più duri come il ferro). 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

Marco Toni

Mi chiamo Marco e sono un appassionato di fai da te. Adoro effettuare qualsiasi tipo di lavoro nella maniera più autonoma possibile e non mi fermo davanti a nulla. Proprio per questo motivo ho deciso di condividere le mie conoscenze per aiutare chi ha la mia stessa passione: distruggere e costruire!

Lascia un commento